Sole, amico e nemico: come proteggersi correttamente dai raggi dannosi

Sole, amico e nemico: come proteggersi correttamente dai raggi dannosi

Vediamo come prevenire i danni cutanei causati dal sole e come esporsi in maniera corretta e coscienziosa

Le temperature miti, gli abiti leggeri e la voglia crescente di mare portano con se' anche il desiderio di una tintarella perfetta.

Abbronzarsi in estate è un "must" per la maggior parte delle persone ma bisogna ricordare sempre che l'esposizione solare non è da intendere solo come puro "capriccio" estetico.
Come noto, infatti, i benefici del sole sulla pelle sono minori rispetto agli effetti negativi causati dai raggi UVA e UVB. Con l’esposizione prolungata e non corretta si corre il rischio di danneggiare la cute e di provocarne l’invecchiamento, mentre, nelle casistiche peggiori, si può manifestare l’insorgere di melanomi, tumori della pelle ed altre patologie cutanee.

Proprio per questo è bene preparare la pelle nei mesi precedenti al periodo estivo (con una cura esfoliante per la cute e un'alimentazione e integrazione mirata per favorire la produzione di melanina), occorre sapere la differenza e/o i danni causati dai raggi UVA e UVB e adottare, quindi, una modalità di esposizione giusta e coscienziosa utilizzando dei solari adatti al proprio fototipo.

Gli ultravioletti A arrivano sulla superficie terrestre in maniera copiosa: sono in grado di attraversare i vari strati della pelle fino al derma e possono provocare macchie solari, accelerano l'invecchiamento cellulare (causa della perdita di tono e della formazione di rughe) e possono essere, anche, responsabili dell'insorgenza di melanomi.

Gli ultravioletti B hanno una forte carica energetica con effetti sugli strati superficiali dell'epidermide: stimolano la melanina, molecola con funzione pigmentaria, e sono la maggiore causa di arrossamenti, scottature, eritemi e ustioni.

Per abbronzarsi in maniera coscienziosa d ottenere una tintarella sana è importante seguire le seguenti piccole norme:
- evitare che l'esposizione al sole sia prolungata per diverse ore nell'arco della giornata;
- scegliere gli orari giusti, ovvero quando i raggi non sono esageratamente forti, preferibili sono le ore della prima mattinata sino alle 10 e della sera dalle 18 in poi, evitando le ore del primo pomeriggio;
- utilizzare sempre solari adatti al proprio tipo di pelle, con un fattore di protezione (SPF) specifico per il proprio fototipo e applicarli almeno ogni 2- 3 ore.

Seguendo questi piccoli accorgimenti potrete diminuire i rischi ed ottimizzare i risultati.

In più, abbiamo selezionato per voi i prodotti delle migliori marche che vi permetteranno di sfoggiare un’abbronzatura perfetta:


  • Data: 08-06-2017
  • Commenti: 0

Lascia un Commento