Rinite: cause, sintomi e cure

Rinite: cause, sintomi e cure

Con il termine rinite ci si riferisce a una generica irritazione e infiammazione della mucosa nasale.

La rinite allergica, nota anche come "raffreddore da fieno", è una infiammazione delle mucose nasali causata da un allergene, la cui azione genera una reazione impropria del sistema immunitario che, nel tentativo di contrastarne l’azione (riconoscendolo dunque come patogeno dannoso per l’organismo) produce anticorpi.

Con il termine rinite ci si riferisce a una generica irritazione e infiammazione della mucosa nasale.

La rinite allergica, nota anche come "raffreddore da fieno", è una infiammazione delle mucose nasali causata da un allergene, la cui azione genera una reazione impropria del sistema immunitario che, nel tentativo di contrastarne l’azione (riconoscendolo dunque come patogeno dannoso per l’organismo) produce anticorpi.

La rinite infettiva è così chiamata perché insorge a causa di infezioni virali o batteriche.

È importante ricordare che, pur avendo alcuni sintomi in comune, sinusite e rinite non sono due disturbi da confondere: la sinusite, infatti, è un’infiammazione dei seni paranasali può essere una conseguenza della rinite allergica, quando non correttamente curata.

Sintomi

I classici sintomi di una rinite sono: naso chiuso, naso che cola, starnuti e naso chiuso.

I sintomi della rinite allergica possono persistere per tutto il tempo in cui si è a contatto con l'allergene, come nel caso delle allergie da polline, che possono andare avanti per un'intera stagione, e le allergie da animali domestici o alla polvere, che restano per tutto il tempo in cui il soggetto è esposto al pelo dell’animale o alla polvere stessa.

Cause

Parliamo, quindi, di un disturbo molto riscontrato nei soggetti allergici, specialmente quando entrano a contatto con:

  • pollini delle graminacee
  • pollini di erbe infestanti
  • l'acaro della polvere

La rinite può presentarsi anche con intermittenza, per meno di un mese, mentre in altri casi può essere persistente. Se non curata, può arrivare a stadi cronici e degenerare in polposi nasale, sinusite e peggiorare lo stato di salute nei soggetti asmatici.

Tra i virus capaci di causare rinite infettiva, troviamo:

  • I Rhinovirus;
  • I Coronavirus;
  • I virus dell'influenza;
  • Gli Adenovirus;

Trattamenti

Il metodo migliore per la prevenzione della rinite allergica è quello di evitare l’esposizione all'allergene che è causa della reazione o, comunque, di arginarne l’inalazione o il contatto.

I farmaci sono i rimedi più efficaci e vanno scelti in base al tipo di rinite allergica da cui si è colpiti:

  • Intermittente: Antistaminici da assumere per via orale o per via nasale.
  • Persistente: Corticosteroidi da assumere per via nasale.

Il trattamento della rinite infettiva dipende da qual è l'agente patogeno.

Se a provocare la rinite è un batterio, i medici prescrivono una terapia antibiotica dedicata, associata a un periodo di riposo e all’assunzione di antinfiammatori per combattere la febbre.

Se a causare la rinite è un virus, i medici tendono a consigliare un periodo di riposo e la somministrazione di antinfiammatori contro lo stato febbrile.

Per alleviare i sintomi correlati alle difficoltà respiratorie, si può ricorrere sia ai farmaci decongestionanti  spray nasali che sono preparati molto efficaci contro le riniti allergiche, che però, quando utilizzati per troppo tempo, possono causare assuefazione e conseguente inefficacia, sia delle soluzioni isotoniche che ipertoniche di acqua e sale già preparate e sterili, con le quali si effettuano dei lavaggi giornalieri per la pulizia delle cavità nasali, fondamentale per la rimozione di polveri, pollini, virus ed altro materiale che può accumularsi e recare fastidi.

Se desideri approfondire l’argomento oppure porre semplicemente qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.


  • Data: 29-12-2020
  • Commenti: 0

Tags:

Lascia un Commento