Le cose che devi fare per proteggere la pelle dei tuoi bambini

Le cose che devi fare per proteggere la pelle dei tuoi bambini

L’estate è la stagione per eccellenza dei bambini, fra vacanze, giochi e tempo all’aria aperta. Ma sole, sabbia, acqua e insetti sono tutti elementi che possono intaccare il delicato equilibrio della loro pelle… un vero incubo per i genitori che non sanno come proteggere la pelle dei bambini da tutte queste insidie!

L’estate è la stagione per eccellenza dei bambini, fra vacanze, giochi e tempo all’aria aperta. Ma sole, sabbia, acqua e insetti sono tutti elementi che possono intaccare il delicato equilibrio della loro pelle… un vero incubo per i genitori che non sanno come proteggere la pelle dei bambini da tutte queste insidie!

Ecco le cose che devi fare per proteggere la pelle dei tuoi bambini!

Per prima cosa ogni qual volta i tuoi bimbi si espongono al sole devi proteggere la loro pelle con una crema a protezione solare altissima 50+, la crema va riapplicata ogni due ore circa e ogni volta che i piccoli fanno il bagno. In questo modo si eviteranno pericolose e dolorose ustioni.

Se il bambino non ama farsi spalmare la crema, niente paura! Oggigiorno vi sono numerosi solari di facile applicazione, come i latti e gli spray: efficienti e gradevoli, fanno contenti proprio tutti!

È anche importante ricordare che i neonati fino ad un anno d’età non dovrebbero mai essere esposti alla luce diretta del sole, mentre gli orari sicuri per far prendere il sole in modo sano ai bambini fra 1 e 2 anni di età sono la mattina fino alle 10:30 e il pomeriggio dopo le 18-18:30. Per i bambini un poco più grandicelli, sopra i 2 anni di età, l’esposizione pomeridiana si può anticipare massimo a partire dalle 17.

Durante le fasce orarie non idonee bisognerebbe portare i bambini in luoghi freschi, non è sufficiente cercare di tenerli fermi sotto l’ombrellone.

Rincasati poi, dopo la doccia, bisogna sempre applicare una crema idratante adatta alla loro pelle delicata. Non c’è bisogno di un doposole specifico, anche la crema idratante abituale può andare bene, bisogna solo verificare prima che non contenga sostanze fotosensibilizzanti.

Attenzione anche a non far rimanere troppo tempo i bambini sudati a giocare sulla sabbia, perché il sudore (e l’umidità in generale) a contatto con la sabbia può favorire il rischio di irritazioni e infezioni.

Infine, per proteggere la pelle dei bambini dalle punture d’insetto non applicate alcun tipo di repellente direttamente sulla pelle, perché in associazione con l’esposizione al sole si possono causare fotodermatiti. Si possono applicare sui bordi degli abiti o si possono proteggere i luoghi in cui il bambino soggiorna.

Se dovessero manifestarsi le bolle tipiche di una puntura d’insetto non applicate creme antistaminiche, che possono causare una fotodermatite, mentre in caso di punture importanti si può applicare una crema cortisonica. Per qualsiasi dubbio è sempre meglio contattare il pediatra e seguire le sue indicazioni.

Vuoi maggiori informazioni riguardo questo argomento? Contattaci! Lo staff della Farmacia Mascia sarà lieto di rispondere ad ogni tua domanda.


  • Data: 20-06-2019
  • Commenti: 0

Tags:

Lascia un Commento