Menopausa: tipologie e sintomi

Menopausa: tipologie e sintomi

Si parla di menopausa quando si interrompono le mestruazioni e, con esse, termina anche il periodo fertile della donna. Vengono prodotti meno estrogeni e si interrompono tutti quei processi che portano alla maturazione di ovociti, capaci di essere fecondati dagli spermatozoi.

Si parla di menopausa quando si interrompono le mestruazioni e, con esse, termina anche il periodo fertile della donna. Vengono prodotti meno estrogeni e si interrompono tutti quei processi che portano alla maturazione di ovociti, capaci di essere fecondati dagli spermatozoi.

Questo evento avviene in media intorno ai 50 anni, ed è un processo graduale che cmbia di donna in donna: possono esserci differenze individuali importanti nell’esordio e nella durata delle diverse fasi, come il ciclo, che può cessare improvvisamente o cambiare prima in modo graduale, anche nel corso di vari anni.

Tale fase si chiama “climaterio” (dal greco klimactèr/scalino, passaggio critico) e va da prima della menopausa fino alla completa cessazione dell’attività ovarica, ed è caratterizzata da modificazioni dell’organismo e della psiche femminile.

Tipologie

Se la menopausa può verificarsi anche molto prima o molto dopo l’età media di cui sopra e, in tali casi, è importante prestarle particolare attenzione dato che i cambiamenti ormonali possono influenzare la salute e il benessere della donna. A seconda dell’età in cui si presenta, la menopausa può essere definita:

  • Precoce quando inizia prima dei 40 anni.
  • Prematura quando inizia prima dei 45 anni.
  • Tardiva quando si verifica dopo i 55 anni.

La menopausa precoce è la più frequente, e in un terzo dei casi è di carattere familiare: ossia interessa più donne della stessa famiglia. Un altro aspetto che può portare ad una precoce fine della fertilità sono meccanismi autoimmuni. Oltre al ginecologo, quando la menopausa è molto precoce, tra i 25 e i 35 anni, può essere importante anche il sostegno di uno psicologo per affrontare con serenità il cambiamento.

La menopausa prematura riguarda il 10% delle donne che spesso hanno familiari a cui è successa la stessa cosa e, infatti, si reputa che le due forme cliniche possano avere cause comuni. Una menopausa anticipata rispetto all’età fisiologica va tenuta sotto controllo perché incrementa le possibilità di andare incontro a una malattia coronarica, in quanto termina la maggiore protezione vascolare dagli estrogeni prima del dovuto. Ci possono essere anche conseguenze sulla salute dell’osso, come l’osteoporosi con un possibile aumento del rischio di fratture negli anni futuri. Un consulto dal ginecologo può supportare la donna nell’intraprendere un eventuale, ove necessario, percorso di terapie ormonali per scongiurare tali eventi.

La menopausa anticipata, in compenso, può agire positivamente nei confronti di patologie come il tumore della mammella: se una donna entra in menopausa a 35 anni, il rischio di tumore al seno si riduce drasticamente dell’80%.

Sintomi

La transizione viene divisa in due fasi: la premenopausa o perimenopausa e la postmenopausa. La menopausa, sta nel mezzo.

 

La perimenopausa si evidenzia con irregolarità dei cicli mestruali che tendono a ravvicinarsi (polimenorrea) o a diventare meno frequenti (oligomenorrea). Le mestruazioni possono divenire abbondanti e dolorose, e può causare anemia da carenza di ferro. La possibilità di restare incinta si riduce, ma non è esclusa: quindi, attenzione se non si desidera una gravidanza.

È il periodo più duro, che in genere va dai 5 ai 7 anni, caratterizzato dai tipici segni dell’invecchiamento ovarico: instabilità dell’attività delle ghiandole endocrine, riduzione esponenziale della fertilità, modificazioni metaboliche che coinvolgono l’intero organismo.

Altri sintomi comuni sono:

  • Vampate di calore: brevi e improvvise, e interessano il volto, il collo e il petto;
  • Sudorazioni notturne: connesse alle vampate di calore che si verificano durante la notte;
  • Palpitazioni;
  • Insonnia: causata sia dai cambiamenti ormonali che caratterizzano la menopausa sia dalle vampate di calore notturne;
  • Ansia, irritabilità, calo dell'umore e facilità all'affatticamento;
  • Cefalea;
  • Calo della libido e del desiderio sessuale.

Se desideri approfondire l’argomento oppure porre semplicemente qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti è a tua totale disposizione.


  • Data: 10-01-2020
  • Commenti: 0

Tags:

Lascia un Commento