La dieta per prevenire l’Alzheimer

 La dieta per prevenire l’Alzheimer

Il morbo di Alzheimer è un disturbo neuro-degenerativo invalidante che affligge generalmente gli adulti in età avanzata, ma che può presentarsi anche prima.

È ritenuto la più comune forma di demenza senile i cui sintomi sono la progressiva compromissione delle funzionalità nervose e cerebrali, fino al rendere difficile il normale svolgimento delle attività quotidiane.

Il morbo di Alzheimer è un disturbo neuro-degenerativo invalidante che affligge generalmente gli adulti in età avanzata, ma che può presentarsi anche prima.

È ritenuto la più comune forma di demenza senile i cui sintomi sono la progressiva compromissione delle funzionalità nervose e cerebrali, fino al rendere difficile il normale svolgimento delle attività quotidiane.

È stato provato che regimi alimentari squilibrati, ricchi di cibi contenenti dosi eccessive di colesterolo e grassi saturi, possano corroborare la formazione di placche di beta-amiloidi e causare l’ossidazione neuronale che porta al disturbo in questione.

Prevenire l’Alzheimer a tavola

Dato che la medicina ancora non ha trovato una cura per questo disturbo, la prevenzione è l’unica strada da intraprendere e, come per buona parte dei disturbi che interessano corpo e mente, l’alimentazione e lo stile di vita sono determinanti.

Tenendo conto del lungo periodo di incubazione, sarebbe meglio anticiparsi e curare la propria dieta da subito, specialmente se esistono casi di Alzheimer in famiglia. Diverse ricerche hanno dimostrato che una alimentazione equilibrata e uno stile di vita attivo riducono di molto i livelli della proteina killer presente nel sangue, evitandone l’accumulo nel cervello.

Per molti professionisti del settore, la dieta giusta è quella mediterranea, capace di diminuire del 40% il rischio di sviluppare l’Alzheimer. Bisogna, quindi, assumere regolarmente carne e pesce magri, fibre e verdure, cereali integrali e tutti quei cibi che regalano al corpo il corretto apporto di nutrienti, al fine di impedire o rallentare il manifestarsi di atrofia cerebrale.

In tal senso, sono essenziali gli acidi grassi omega-3 e le vitamine, specialmente la D che è alla base delle funzioni cognitive. I primi, presenti in ottime dosi in pesce, olio extravergine di oliva e frutta secca, sono ottime per garantirsi la giusta fluidità della membrana dei neuroni e combattono l’azione atrofizzante della proteina.

Le vitamine, i minerali e gli antiossidanti, presenti in frutta e verdure, ostacolano l’azione dei radicali liberi e l’invecchiamento cellulare. L’uva, per esempio, è ricca di polifenoli e dà manforte nel mantenere attivo il metabolismo celebrale e riduce il rischio di sviluppare la malattia.

Volendo elencare alcuni alimenti utili per prevenire l’Alzheimer troviamo:

  • Verdure a foglia verde.

  • Uova.

  • Pesce e molluschi, ricchi di omega-3 e vitamina B12

  • Olio d’oliva, frutta secca e semi oleosi.

È bene ricordare che l’Alzheimer va prevenuto anche mantenendo uno stile di vita attivo ed eseguendo regolarmente attività fisica, soprattutto se si ha un lavoro sedentario.

Se vuoi approfondire l’argomento oppure porre qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.



Tags: Alzheimer

Lascia un Commento