Immuni: a cosa serve la nuova app di tracciamento del Ministero della Salute

Immuni: a cosa serve la nuova app di tracciamento del Ministero della Salute

È disponibile sugli store android e iOS, dal primo giugno, l’app Immuni, creata per la gestione del contact tracing nell’emergenza.

È disponibile sugli store android e iOS, dal primo giugno, l’app Immuni, creata per la gestione del contact tracing nell’emergenza.

Precisazioni

Ci sentiamo di mettere subito in chiaro alcuni aspetti relativi a questa pp:

  • funziona tramite Bluetooth è stata progettata da Bending Spoons;
  • sono state apportate delle modifiche per tutelare la privacy degli utenti.
  • non installarla non sarà un limite per spostarsi;
  • non utilizza il GPS, quindi non può conoscere i vostri spostamenti.

A cosa serve e come funziona

L’app Immuni è stata creata per informare le persone che la utilizzano, se si è stati a contatto con un soggetto poi risultato positivo al coronavirus.

L’app invia una notifica in tal caso e, con il benestare dell’utente, consente all’autorità sanitaria di monitorare questo possibile contagio.

Il sistema così definito di “Notifiche di esposizione”, dà quindi la possibilità di informare il possessore del cellulare di eventuali contatti ravvicinati con un caso positivo di coronavirus.

Sicurezza e privacy

Il sistema è stato creato su un modello decentralizzato, basato sull'analisi dei codici direttamente sugli smartphone e non in un server a parte consultabile da terzi.

In sostanza, le informazioni sugli utenti non vengono conservate su un server esterno, ma solo ed esclusivamente sui dispositivi mobili degli individui: sono questi ultimi stessi a essere identificati, dall’app, mediante notifica push.

I dati vengono quindi  inviati, ricevuti e immagazzinati sui cellulari delle persone incontrate per strada, mentre il server riceverà solamente i codici inviati dal telefono di un paziente positivo quando questo indica la sua positività.

A quel punto, il server invia tali dati a tutti gli smartphone che hanno l’app installata e, se viene trovato un “match” dall’applicazione, il sistema fornisce istruzioni in base alla tipologia di contatto, quali la durata, la distanza e altri aspetti utili per consentire all’utente interessato di agire di conseguenza.

Se hai dubbi o curiosità su questo argomento, contattaci, il nostro team di professionisti è a tua totale disposizione.


  • Data: 15-06-2020
  • Commenti: 0

Tags:

Lascia un Commento