Guida compatta al reflusso gastroesofageo

Guida compatta al reflusso gastroesofageo

Il reflusso gastroesofageo è un disturbo che consiste nella risalita involontaria e frequente dei succhi gastrici lungo l’esofago e, in determinati casi, fino alla gola.

Il reflusso gastroesofageo è un disturbo che consiste nella risalita involontaria e frequente dei succhi gastrici lungo l’esofago e, in determinati casi, fino alla gola.

Quando è costante durante tutto il corso della giornata oppure si ripresenta nel tempo, si parla di malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE), ovvero un tipo di reflusso acido a lungo termine e più grave.

I sintomi sono, solitamente, bruciore al petto e allo stomaco, in genere più acuto di notte.

Cause
Le cause che solitamente portano a reflusso gastroesofageo sono:

  • il rilassamento dello sfintere esofageo inferiore, o meglio, quella valvola che, in condizioni di totale salute, non permette ai liquidi gastrici dello stomaco di risalire lungo l’esofago;
  • il ristagno di cibo nello stomaco per troppo tempo.

Si avverte bruciore in quanto non ci sono acidi gastrici a proteggere la mucosa esofagea, così come invece succede nello stomaco.

Le cause che producono il rilassamento dello sfintere esofageo inferiore possono, a loro volta, essere:

  • un incremento della pressione addominale a causa di sovrappeso, o alla gravidanza;
  • Il fumo;
  • l'ernia iatale, malformazione che porta la protensione di una parte della porzione superiore dello stomaco verso la cavità toracica.

Rimedi

In primis è fondamentale regolarizzare le proprie abitudini alimentari e il proprio stile di vita, al fine di diminuire i tempi di svuotamento gastrici:

  • mangiare piano, masticando bene;
  • evitare cibi grassi, alcol, fumo e caffè;
  • evitare la frutta molto acida, come le arance;
  • evitare di andare a letto subito dopo aver mangiato;

In farmacia sono reperibili vari prodotti che aiutano a combattere il reflusso:

  • gli antiacidi, che fungono da tampone nei confronti dei succhi gastrici;
  • i procinetici, che velocizzano lo svuotamento dello stomaco.

Se hai dubbi o curiosità su questo argomento, contattaci, il nostro team di professionisti è a tua completa disposizione.


  • Data: 24-02-2020
  • Commenti: 0

Tags:

Lascia un Commento