Giornata mondiale della fisioterapia: l'importanza della riabilitazione

Giornata mondiale della fisioterapia: l'importanza della riabilitazione

L’8 settembre è la Giornata Mondiale del fisioterapista: nata nel 1951 in occasione della prima Confederazione mondiale per la fisioterapia, ha lo scopo di promuovere il ruolo del fisioterapista a sostegno della salute e del benessere di tutta la popolazione. 

L’8 settembre è la Giornata Mondiale del fisioterapista: nata nel 1951 in occasione della prima Confederazione mondiale per la fisioterapia, ha lo scopo di promuovere il ruolo del fisioterapista a sostegno della salute e del benessere di tutta la popolazione. 

Il post-Covid 19

L’edizione di quest’anno è dedicata al ruolo del fisioterapista nella riabilitazione post-Covid-19, infatti lo slogan è: “Con la fisioterapia la vita si rimette in movimento”, dato che ha avuto un ruolo di primaria importanza nella gestione dei malati di covid.

Infatti, già quando il paziente viene ricoverato in terapia intensiva, il fisioterapista lo assiste aiutandolo con esercizi di ginnastica passiva e/o attiva assistita, dato che spesso l’individuo è impossibilitato a farlo da solo. In tal modo si previene anche il decondizionamento motorio conseguente allo stare nel letto per troppo tempo e si favorisce un primo ricondizionamento motorio.

Una volta usciti dalla terapia intensiva, il fisioterapista supporta il paziente nel recuperare al più presto la mobilità articolare e inizia o continua il percorso di ricondizonamento motorio

Quale messaggio?

La campagna è tesa a divulgare fondamentalmente il messaggio che:

  • l’esercizio fisico sostiene il recupero della mobilità nelle persone che hanno manifestato le forme gravi del Covid-19;
  • i fisioterapisti possono aiutare tutti attraverso l’esercizio che, a sua volta, può aiutare il recupero;
  • le persone che hanno avuto le forme gravi di Covid-19 gioveranno della riabilitazione e della fisioterapia per riprendersi dagli effetti del trattamento della malattia;
  • l’utilizzo della telemedicina può accompagnare i pazienti ad accedere al supporto di un fisioterapista per aiutarle a gestire l’impatto da Covid-19;
  • la telemedicina può essere utile tanto quanto i metodi sanitari convenzionali per migliorare diverse funzioni fisiche.

Come anticipato, in Italia, il motto lanciato dall’A.I.FI. - Associazione Italiana Fisioterapisti - è “Con la fisioterapia la vita si rimette in movimento”, e sono state raccolte diverse testimonianze di persone con disturbi diversi, che grazie alla fisioterapia hanno raggiunto il loro obiettivo e migliorato la qualità della propria vita.

Se vuoi approfondire l’argomento oppure porre semplicemente qualche domanda, contattaci! Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.



Lascia un Commento