Febbre

Che cosa è la febbre

La febbre non è una malattia in sé, ma la spia di una patologia o che comunque qualcosa non va all'interno dell'organismo.

È possibile parlare di febbre quando la temperatura corporea supera quelli che sono considerati i valori normali, compresi tra i 36,4° e i 37,2°.

I valori considerati normali in un adulto sono:

37°C ± 0.5°C in zona rettale (il punto che con maggiore esattezza consente di rilevare la reale temperatura interna)
36,6°C ± 0,5°C in zona ascellare
36,4 ± 0,5°C nella cavità orale

I valori considerati normali in un bambino sono:

38° C  in zona rettale
37,5° C in zona ascellare
37,2° C nella cavità orale

Causa della febbre

Alla base della febbre ci sono generalmente condizioni patologiche o infettive. La causa diretta di questa condizione è una sorta di “tilt” dei centri ipotalamici, le strutture che si occupano di regolare la temperatura del corpo le quali in questo caso riconoscono come normale una temperatura che in realtà è più alta.

Inoltre, la febbre è anche uno strumento di cui si serve il sistema immunitario per difendersi dall'attacco di microrganismi esterni.

I sintomi della febbre


La febbre generalmente causa pallore, inappetenza, aumento dei battiti cardiaci, mal di testa, nausea, vomito.

I rimedi contro la febbre

La febbre può essere contrastata, a seconda dei casi, con Fans (aspirina o momendol) o farmaci a base di paracetamolo.

Nei casi più gravi è possibile ricorrere a corticosteroidi, previo consulto medico.

Quando allertare il medico

Se il soggetto è un neonato con meno di 4 mesi
Se la temperatura eccede i 39° per più di 72 ore
Se il soggetto accusa difficoltà respiratoria
Se il soggetto accusa rush cutanei
Se il soggetto accusa vomito continuo