Cuore, come mantenerlo giovane e in salute

 Cuore, come mantenerlo giovane e in salute

Molti non sanno che i disturbi cardiovascolari si attestano come prima causa di morte in Europa. L’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, ha da tempo cominciato a indire campagne di prevenzione, al fine di ridurre il tasso di mortalità legato ai disturbi cardiaci.


Molti non sanno che i disturbi cardiovascolari si attestano come prima causa di morte in Europa. L’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, ha da tempo cominciato a indire campagne di prevenzione, al fine di ridurre il tasso di mortalità legato ai disturbi cardiaci.

Ma come prendersi cura del proprio cuore?

È chiaro che le buone abitudini da adottare riguardano diversi aspetti della propria vita: dall’alimentazione all’attività fisica, passando per i vizi che vanno evitati.

Vediamole insieme.

Una dieta equilibrata

I paesi che affacciano sul Mediterraneo, come l’Italia, hanno il vantaggio di avere diete ricche di acidi grassi monoinsaturi (olio di oliva) e omega 3, efficaci per la riduzione del rischio cardiovascolare, per non parlare di tutti quei cibi ricchi di amido e fibre e poveri di zuccheri semplici, anch’essi benefici, se nelle giuste porzioni.

Una alimentazione volta a prendersi cura del cuore è ricca anche di frutta fresca e ortaggi, che sono l’ideale per mantenersi idratati e fare il pieno di vitamine e sali minerali. È bene assumere 5 porzioni al giorno di frutta e verdura di stagione, essenziali anche per contrastare l’azione dei radicali liberi che causano l’invecchiamento cellulare.

Gola e altri vizi: cosa evitare

I dolci ricchi di zuccheri semplici e di grassi dall’eccesivo apporto calorico vanno limitati alle occasioni e, se possibile, in porzioni piccole: gli eccessi di tali alimenti portano a un aumento di peso, fino all'obesità, che predispone al rischio di disturbi cardiovascolari.

Da evitare sono anche le bevande zuccherine o gassate, eccessivamente zuccherate: meglio preferire l’acqua o succhi di frutta fatti in casa. Il caffè, invece, va limitato a due tazzine, mentre per quel che riguarda il vino, nell’ordine di un bicchiere di rosso al giorno, risulta protettivo per il cuore.

Il sale va sicuramente moderato, dato che può far salire la pressione arteriosa: il consumo quotidiano non dovrebbe andare oltre i 5 grammi.

Inutile dirlo, per avere un cuore in salute non bisogna fumare: il rischio cardiovascolare del fumatore è 5 volte più alto di quello di una persona che non fuma, oltre a poter andare più facilmente incontro a ipertensione arteriosa.

Attività fisica

Eseguire un’attività fisica moderata e rapportata alle proprie capacità, almeno tre volte alla settimana, è essenziale per perdere peso, far salire i valori di colesterolo buono e ridurre i vaolri relativi ai trigliceridi e alla glicemia.

Agli sforzi brevi e intensi che possono sovraccaricare il cuore, è meglio preferire le passeggiate, le corse lente e le attività di gruppo.

Se vuoi approfondire l’argomento o hai qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.



Lascia un Commento