Cos'è il PAO

Cos'è il PAO

Il PAO, che letteralmente sta per “Period After Opening” (Periodo Dopo l’Apertura), è una dicitura presente per legge su quasi tutte le etichette cosmetiche.

Il PAO, che letteralmente sta per “Period After Opening” (Periodo Dopo l’Apertura), è una dicitura presente per legge su quasi tutte le etichette cosmetiche.

Indica il periodo nel quale il prodotto potrà essere utilizzato senza rischi, poiché ancora integro e con caratteristiche inalterate. Attenzione però, PAO e data di scadenza non sono la stessa cosa.

Il simbolo che lo rappresenta è obbligatorio sulle etichette dal 2005 su tutte le confezioni ed è rappresentato da un barattolo aperto stilizzato. È composto da un numero seguito dalla lettera M (Mesi). La cifra corrisponde al numero di mesi in cui vi sarà possibile utilizzare il prodotto senza rischi dopo l’apertura.

Dove lo si trova

Il PAO è utilizzato sui seguenti tipi di prodotti:

  • Cosmetici con durata minore ai 30 mesi
  • Confezioni monodose e campioncini
  • Prodotti che non entrano a contatto con l’ambiente esterno

Indipendentemente dalle indicazioni riportate sulla confezione, bisogna comunque fare attenzione ai cambiamenti di consistenza, odore e colorazione che possono indicare deterioramento sospetto e, nel caso, sospendere immediatamente l’utilizzo, a meno che l’etichetta non riporti una chiara indicazione al riguardo (es. Il prodotto potrebbe subire variazioni) che non pregiudichi le qualità.

Tipi di prodotti

I cosmetici in polvere possiedono una durata nettamente superiore a quelli in crema. Polveri, ombretti e pigmenti possono essere utilizzati per molto tempo, superando a volte anche la dicitura PAO indicata per legge (nei limiti del buon senso ovviamente).

I prodotti in crema, invece, si deteriorano più rapidamente, variando consistenza e odore. Applicarli sulla pelle potrebbe causare l’insorgere di imperfezioni o irritazioni.

Creme solari

Quando arriva l’estate e ci si espone ai primi raggi solari, è sempre forte la tentazione di utilizzare la crema protettiva che è avanzata dall’anno prima. È importante verificare che la crema non abbia cambiato colore e/o odore. In questi casi, infatti, c’è il rischio che il prodotto perda in tutto o in parte la sua efficacia protettiva e, anzi, faccia più male che bene, ad esempio causando dermatiti o reazioni allergiche. Poi bisogna anche pensare a come e dove il prodotto è stato conservato, perché anche questi elementi possono incidere sulla sua efficacia. Comunque sia, è importante ricordare che per avere una buona abbronzatura in piena sicurezza, non si dovrebbero mai utilizzare creme solari avanzate dall’anno prima.

Durante il periodo di utilizzo, infine, si deve porre la massima attenzione nel richiudere accuratamente il flacone dopo l’uso ed evitare che il tappo della confezione si sporchi di sabbia.


  • Data: 02-07-2019
  • Commenti: 0

Tags:

Lascia un Commento