Con il freddo possono aumentare i dolori articolari

 Con il freddo possono aumentare i dolori articolari

Nella vita di diverse persone capita di lamentare dei dolori osteoarticolari, generalmente in zone ben localizzate del corpo, in alcuni casi presentandosi con cambiamenti di volume e/o temperatura, portando ad arrossamenti o rigonfiamenti.

Nella vita di diverse persone capita di lamentare dei dolori osteoarticolari, generalmente in zone ben localizzate del corpo, in alcuni casi presentandosi con cambiamenti di volume e/o temperatura, portando ad arrossamenti o rigonfiamenti.

Quando ci si espone al freddo si potrebbe poi presentare un irrigidimento muscolare che costringe ad assumere una postura contratta: in tale maniera il muscolo pesa in modo eccessivo su tendini, cartilagini e articolazioni, portando dolore ed esacerbando eventuali disturbi pregressi.

Diversi pazienti con artrite reumatoide e con artrosi, infatti, affermano di accusare un peggioramento dei sintomi col freddo: è un fenomeno più comune nei pazienti con artrosi, quel dolore meccanico che può affliggere ginocchia, pollice e alluce e che aumenta proprio con il freddo.

E i dolori alla schiena?

In inverno può capitare anche che si acuisca il mal di schiena: in genere, se il mal di schiena si presenta in giovane età, dura per più di tre mesi e peggiora con il riposo (soprattutto notturno), bisogna curarlo con il cammino e con l’utilizzo delicato della schiena, magari con un corso di pilates. Nel caso del mal di schiena che si aggiunge al problema articolare, conta anche la componente muscolare: il freddo può portare a contratture muscolari che possono essere alla base di alcuni tipi di mal di schiena, specialmente nell’area cervicale.

Il mal di schiena in genere va via in pochi giorni, e si sconsigliano gli antinfiammatori mentre è meglio rifarsi ad antidolorifici.

Le mani e il freddo

Le mani sono molto importanti in materia di reumatologia e la temperatura fredda può portare, per esempio, al disturbo di Raynaud, una costrizione dei vasi che porta le dita di mani o piedi a diventare bianche o bluastre, poi rosse.

Le mani sono poi spesso colpite da artrite o artrosi ed è spesso qui che comincia a manifestarsi l’artrite reumatoide. Ciò che distingue queste due condizioni è il modo in cui si presenta il dolore:

  • nel caso dell’artrite il dolore si allevia con l’uso dell’articolazione,
  • nel caso dell’artrosi è l’esatto opposto e dunque l’uso delle articolazioni porterà a un aumento del dolore.

In entrambi i casi è importantissimo riparare la pelle e le articolazioni dal freddo per evitare che si acuiscano i disturbi.

Se vuoi approfondire l’argomento o hai qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.



Lascia un Commento