Energy drink: i rischi per il cuore

Energy drink: i rischi per il cuore

Gli energy drink possono essere dannosi per il cuore: ad affermarlo sono i dati presentati dall’American Hearth Association e quelli del Canadian Journal of Cardiology. Dagli studi emerge che le bevande energetiche portano a un incremento delle aritmie e della pressione sanguigna.

Gli energy drink possono essere dannosi per il cuore: ad affermarlo sono i dati presentati dall’American Hearth Association e quelli del Canadian Journal of Cardiology. Dagli studi emerge che le bevande energetiche portano a un incremento delle aritmie e della pressione sanguigna.

Perché sono dannosi e quali rischi si corrono?

I ricercatori hanno analizzato, attraverso la risonanza magnetica cardiaca, cosa succedeva nel corpo umano un'ora dopo l'assunzione degli energy drink, che generalmente contengono alte concentrazioni di caffeina e taurina. La quantità di caffeina, infatti, è fino a tre volte superiore rispetto ad altre bevande come il caffè o la Coca cola e sono molti gli effetti collaterali noti per essere associati a un elevato apporto di caffeina: tachicardia, palpitazioni, aumento della pressione arteriosa, fino a convulsioni o morte improvvisa nei soggetti particolarmente sensibili al principio.

Lo studio: cosa possiamo affermare con certezza

Lo studio ha evidenziato che gli energy drink fanno salire in maniera esponenziale il tasso di contrazione del cuore. Fino a poco tempo fa, non si conosceva precisamente l’effetto che queste bevande hanno sulla funzione del cuore e, ad oggi, sono molte preoccupazioni riguardanti i potenziali effetti collaterali negativi di tali prodotti.

Tutti i soggetti che hanno preso parte allo studio sono stati sottoposti a risonanza magnetica prima e  dopo aver bevuto un energy drink a base di taurina e caffeina: tra i due momenti, i medici hanno notato differenze significative nel picco di contrazione del cuore e nella velocità di contrazione nel picco sistolico, a carico del ventricolo sinistro. Altre alterazioni afferivano alla frequenza cardiaca, al livello pressorio e alla quantità di sangue che veniva espulsa dal ventricolo sinistro del cuore.

Ciò che si può affermare con totale certezza è, quindi, che il consumo di energy drink ha un impatto importante nel breve termine sulla contrattilità cardiaca.

Energy drink e alcol: un mix da evitare

Sempre più spesso capita che gli adolescenti mescolino energy drink e alcol nel loro drink, perché credono di equilibrare con la caffeina gli effetti sedativi dell’alcol e avere una maggiore energia.

La realtà, è che viene a mancare la percezione degli effetti derivanti dai superalcolici, portando i ragazzi ad assumernedosi maggiori e a prendere sotto gamba tutte le conseguenze che ne derivano, quali il mettersi alla guida in stato di ebbrezza.

La verità è che, una volta andato via l’effetto euforizzante del cocktail, si palesano spesso sintomi quali nausea, vomito, mal di testa, nervosismo e a un’importante disidratazione causata sia alla caffeina che all’alcol.

Se vuoi approfondire l’argomento o hai qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.


  • Data: 17-05-2022
  • Commenti: 0

Tags:

Lascia un Commento