Come rimediare ai dolori mestruali

Come rimediare ai dolori mestruali

Molte donne soffrono a causa di dolori mestruali. Porre rimedio per alleviare il dolore è possibile: scopri come fare!

I dolori mestruali sono un fastidio che affligge la maggior parte delle donne, si stima il 75%.

Questi dolori, in generale, non sono un segnale di malattia, ma l’avviso che il tuo corpo sta iniziando un altro ciclo mestruale.

I crampi mestruali sono solitamente lievi, ma a volte possono essere intensi. I dolori possono variare da forti spasmi nella regione sotto l'addome a dolori che si diffondono su tutto il ventre, la zona lombare, le cosce. In alcuni casi possono comparire anche capogiri, nausea, diarrea o vomito.

Dismenorrea primaria

Questa è la definizione usata per i comuni crampi causati dal ciclo mestruale e non da una malattia. Provoca un dolore, più o meno forte, nella parte inferiore dell'addome, della schiena e nella parte alta delle cosce.

Il dolore inizia prima delle mestruazioni e, di solito, dura tra le 12 e le 72 ore. Questo tipo di dismenorrea è più comune nelle giovani donne e spesso diventa meno intenso dopo i 20 anni e dopo la gravidanza.

Dismenorrea secondaria

Questo tipo di dismenorrea è solitamente causato dalla disfunzione degli organi riproduttivi. Alcune di queste condizioni includono endometriosi, fibroma, cisti o un'infezione. Può anche essere causato dall'uso di un dispositivo intrauterino di contraccezione. Il dolore, solitamente, inizia all'inizio del ciclo mestruale e dura più a lungo della dismenorrea primaria.

 

Quali sono le cause e come affrontarle?

Gli spasmi mestruali sono legati alla produzione di prostaglandina, una sostanza che fa contrarre l’utero, e sono queste contrazioni a provocare il dolore.

All'inizio della mestruazione i livelli di prostaglandina sono più alti, poi diminuiscono gradualmente.

Che si tratti di crampi o sbalzi d'umore, la buona notizia è che c’è un ampio ventaglio di rimedi: dai farmaci da banco alla fitoterapia, dagli oligoelementi alla ginnastica, dai massaggi alla dieta.

 

Per ridurre le prostaglandine, privilegia nella tua alimentazione cibi che apportano magnesio. Sono inoltre di fondamentale importanza gli acidi grassi Omega3 e le vitamine del gruppo B.

 

Esercizi respiratori, yoga e stretching rilassano i muscoli e alleviano il dolore

 

Massaggiare la parte inferiore dell’addome conoleolito di calendula aiuta a rilassare i muscoli

 

Riscaldati! Il calore riduce il dolore: fai un bagno caldo con qualche goccia di olio essenziale di lavanda, menta, calendula; applica una borsa termica da posizionare sulla parte bassa di addome o sulla schiena; bevi infusi caldi di melissa, cannella, zenzero, camomilla…

 

Infine, se con questi rimedi naturali non dovessi trarre sufficiente beneficio, chiedi consiglio al tuo farmacista per una strategia antidolore basata su ibuprofene, naprossene sodico o paracetamolo, con l’approvazione dei tuoi genitori se sei un’adolescente!

 

Per qualsiasi ulteriore curiosità su questo argomento, lo staff della Farmacia Mascia è a tua disposizione o se cerci un rimedio veloci, dai un’occhiata qui!


  • Data: 21-11-2018
  • Commenti: 0

Tags:

Lascia un Commento