Come affrontare il caldo e l’afa

Come affrontare il caldo e l’afa

Siamo ormai giunti all'estate, che come sappiamo, porta con sé temperature alteafa e caldo torrido.

In questo periodo il nostro corpo perde molti sali minerali, principalmente attraverso la sudorazione, senza tener conto del fatto che il caldo può portare a cali di pressione e a una generale mancanza di energie.


Siamo ormai giunti all'estate, che come sappiamo, porta con sé temperature alteafa e caldo torrido.

In questo periodo il nostro corpo perde molti sali minerali, principalmente attraverso la sudorazione, senza tener conto del fatto che il caldo può portare a cali di pressione e a una generale mancanza di energie.

Vediamo come ovviare al caldo e all’afa, per vivere al meglio la nostra estate.

Idratazione e principi essenziali

È importante assumere sempre la giusta quantità d’acqua (almeno 1,5 litri al dì) anche perché è ricca di alcuni sali minerali indispensabili per il buon svolgimento di diverse funzioni, tra cui anche quelle mentali. Nell’acqua però non ci sono tutti i sali minerali di cui l’organismo ha bisogno e la loro quantità varia in base al tipo d’acqua.

Il magnesio è tra i principi fondamentali per l’estate dato che, oltre a contribuire alla normale funzione muscolare, prende parte nella riduzione di stanchezza e affaticamento, supporta diverse funzionalità del sistema nervoso e auita a equilibrare il metabolismo energetico.

Per garantire una corretta idratazione del corpo è importante ridurre gli alcolici, che stimolano la sudorazione e interferiscono con l'assorbimento dei principi benefici. Anche il caffè, così come le altre bevande eccitanti, andrebbe evitato in quanto vasocostrittore.

A tavola

L’idratazione proviene anche dagli alimenti che assumiamo durante i pasti: la frutta è essenziale in quanto ricca di sali minerali, vitamine e antiossidanti, ma anche la verdura cruda dona molti principi benefici ed è l’ideale se assunta prima dei pasti per raggiungere prima il senso di sazietà.

È ovviamente sconsigliato abusare di cibi grassi e salati e moderare l’assunzione di spezie, come curry, pepe e peperoncino, che possono far salire la temperatura corporea.

Le buone pratiche

Per agire efficacemente contro l’afa, bisogna evitare di restare per troppo tempo al sole che, oltre a rappresentare un pericolo per la salute in generale, fa salire la temperatura corporea che, a sua volta, può disturbare anche il riposo e farci sentire stanchi di giorno.

Quando a causa del caldo non si riesce a dormire bene, si possono applicare delle gocce di olio essenziale di lavanda sul cuscino, e preparare al meglio la camera dove dormiamo, utilizzando le zanzariere per dormire con la finestra aperta e regolando la temperatura, nel caso, con un condizionatore (meglio se raffreddiamo prima la stanza e non direzioniamo il getto d’aria direttamente sul corpo). Per dormire meglio quando fa caldo la melatonina, assunta tramite integratori, è efficace per riuscire ad addormentarsi soprattutto quando si palesano i sintomi dell’insonnia oppure per contrastare gli effetti del jet-lag se si viaggia lontano da casa e in luoghi dove fa molto caldo.

Per ritrovare energie perse a causa del caldo, un valido supporto lo si può trovare nelle bevande o nelle tisane (fatte raffreddare) con elementi quali il ginseng, lo zenzero, l’erba mate e la rodiola, che riescono a sostenere il corpo aumentandone anche la resistenza al caldo e alla fatica.

Scopri i nostri migliori integratori per affrontare il caldo con più energie!



Lascia un Commento