In primavera la frutta secca ci aiuta a combattere la stanchezza

In primavera la frutta secca ci aiuta a combattere la stanchezza

Capita a tutti che il cambio di stagione che porta alla primavera possa debilitarci, causando stanchezza e sonnolenza, e portandoci ad affrontare i nostri impegni con meno energia.

Sono diversi i principi che possono sostenerci donandoci le risorse necessarie ad affrontare questo tipo di periodo, su tutte i Sali minerali che, pur non apportando direttamente energia al nostro corpo sono fondamentali per le reazioni chimiche che producono energia. Una carenza può aggravare i sintomi come spossatezza, debolezza, stanchezza e difficoltà di concentrazione.

Uno dei minerali principali da integrare è il Magnesio, un elemento essenziale per la produzione di energia e che si trova in ottime quantità nella frutta secca, come le noci, le mandorle e i fichi secchi.

Ma la frutta secca ha molti altri principi utili, vediamoli insieme.

I benefici della frutta secca

Partiamo dalle noci, che sono ricche di Omega 3, efficaci nel combattere l’insorgenza di disturbi cardiaci e di tipo infiammatorio. Hanno un alto contenuto di acido ellagico, un antiossidante utile per il sistema immunitario, e stimolano la produzione di melatonina, sostanza prodotta dalla ghiandola pineale che aiuta a regolare il ritmo sonno-veglia, indispensabile per affrontare le giornate con la giusta energia.

Gli anacardi hanno ottimi valori di acido oleico, che è benefico per la salute del cuore. Sono ricchi anche di magnesio e regalano un ottimo apporto di vitamine del gruppo B, oltre al triptofano, un precursore della serotonina, un ormone che agisce in maniera positiva sull’umore e tutti sappiamo quanto quest’ultimo possa influire su quanta energia impieghiamo nelle nostre attività.

Le mandorle sono un’ottima fonte di calcio, magnesio e fosforo e per questo sostengono la buona salute delle ossa e anche quella mentale.

I pinoli sono ricchi di proteine e di fibre vegetali, oltre ad essere un’ottima fonte di zinco, vitamina B2 e potassio. Donano energia e implementano la regolarità intestinale.

Le arachidi, in ultimo, sono ricche di proteine vegetali, sali minerali, vitamine, fibre e grassi buoni, ma soprattutto sono fonte di polifenoli, degli antiossidanti che contrastano l’invecchiamento cellulare.

Se vuoi approfondire l’argomento oppure chiedere semplici delucidazioni, non esitare a contattarci. Il nostro team di professionisti sarà lieto di risponderti.


  • Data: 26-02-2021
  • Commenti: 0

Lascia un Commento